Archives For socialnetworkanalysis

Lo avevamo intervistato a Maggio prima dell’inizio del Social Business Forum (qui il post http://www.sociallearning.it/la-rete-e-lapprendimento-a-tu-per-tu-con-geor) e ci aveva fornito interessanti spunti per riflettere sui temi di questo blog, a partire dai processi di apprendimento e di gestione della conoscenza all’interno di un mondo interconnesso.
Stiamo parlando di George Siemens che in occasione appunto del Forum del 2011 ha fornito interessanti riflessioni circa l’utilizzo di possibili tecniche analitiche per comprendere e valutare la conoscenza nelle organizzazioni.

Ecco il video del suo speech:

Ecco alcuni dei punti che Siemens ha bene messo in luce nel video e sui quali vale la pena spendere qualche riflessione:

  • Comprendere realmente l’organizzazione significa comprenderne i flussi informativi, di conoscenza e gli scambi formali e informali che avvengono al suo interno. Come aveva già detto nell’intervista del mese scorso, le nostre società sono società basate sull’informazione, e l’informazione è ciò che più di ogni altra cosa caratterizza l’essere umano.
  • I dati stanno assumendo un’importanza fondamentale: rappresentano la moneta di scambio del presente e del futuro e ciò attorno al quale si caratterizza e costruisce la nostra società. I dati sono ovunque: li abbiamo nelle nostre tasche, nei nostri telefoni, ce li portiamo costantemente dietro e non possiamo fare a meno di utilizzarli, di interagire con loro. “Everything is data”.
  • La tecnologia denominata Internet of Things sta crescendo e ci obbliga a pensare ai dati in modo differente e a dar loro l’importanza che non sempre hanno ricevuto. L’Università della California (San Diego) in una recente ricerca ha analizzato come le persone in america consumino quotidianamente una quantità di dati pari a circa 45Gb.
Schermata_2011-09-06_a_11
  • Il sistema sanitario – giusto per fare un esempio – potrebbe trarre un beneficio enorme dall’analisi dei dati e sarebbe in grado di prevenire le epidemie, i virus e comprendere chi siano le persone a rischio di malattia, semplicemente dall’analisi dei social media. Attraverso l’analisi dello stream di Twitter sarebbero – infatti –  in grado di stabilire l’attività fisica di una persona, la sua dieta e tracciare un profilo più o meno complesso del soggetto. Questo tipo di attività permetterebbe di risparmiare milioni di dollari al sistema sanitario americano semplicemente attraverso un’analsi automatizzata dei dati.
  • Il tema della privacy è molto sentito, e rappresenta sempre un punto di discussione molto importante, ma tutte queste sperimentazioni si basano sulla condivisione di dati pubblici che le persone sono consapevoli essere alla portata di tutti. Nessuna violazione viene commessa per l’accesso a questi dati.
  • Twitter è un metodo – secondo una recente ricerca – per determinare, con un’accuratezza di circa l’80%, l’andamento dei titoli in borsa. I nostri dati pubblici, i nostri post, i nostri tweet rivelano le nostre intenzioni più di ogni altra cosa e ci dicono – sapendoli analizzare – molto più di quanto non si possa pensare ad una prima occhiata.
  • All’interno delle reti sociali non è importante la quantità delle informazioni che inseriamo (su Facebook per esempio non conta se non mettiamo tutte le ifnormazioni che ci vengono richieste) perché sono le persone con cui ci connettiamo che rivelano chi siamo. E’ la qualità e la quantità di relazioni che intratteniamo con gli altri soggetti all’interno delle reti sociali che definisce il nostro profilo.
  • La SNA – per quanto sia una metodologia non recentissima – ha un’importanza fondamentale nell’analisi dell’organizzazione per comprendere lo scambio dei flussi di conoscenza e la gestione delle relazioni. Ma il vero lavoro è dare un significato alle informazioni che vengono mostrate dalla SNA.

Queste le slide utilizzate durante l’intervento:

La SNA – o Social Network Analysis – è una metodologia molto interessante per la comprensione di reti (professionali, personali, d’interesse) anche molto vaste. Si tratta di una tecnica di analisi estremamente efficace per la definizione di flussi di informazione e per comprendere in che modo avvengano le interazioni tra ruoli e persone differenti all’interno di un medesimo contesto organizzativo.
Come si legge su Wikipedia:

La social network analysis (SNA), ovvero analisi dei reticoli sociali (a volte detta anche network theory, teoria della rete), è un ramo della network analysis. Si tratta di una recente metodologia di analisi delle relazioni sociali sviluppatasi a partire dai contributi di Jacob Levi Moreno, il fondatore della sociometria, scienza che analizza le relazioni interpersonali.

La SNA trova ora applicazione in diverse scienze sociali, come la sociologia, l’antropologia, la psicologia e l’economia, ed è stata utilmente impiegata nello studio di diversi fenomeni, come il commercio internazionale, la diffusione dell’informazione e lo studio delle istituzioni.

 

La SNA ha trovato inoltre di recente diverse applicazioni in campo fisico, biochimico, genetico e della computer science, pur mantenendo convenzionalmente l’appellativo “social“, a ricordo della sua origine. L’analisi dell’uso del termine “SNA” nella letteratura scientifica mostra negli ultimi cinque anni una crescita esponenziale del ricorso a questa modalità di rappresentazione computabile dei fenomeni complessi ed interdipendenti.

Schermata_2011-06-20_a_22

Applicare la SNA a un’organizzazione significa posizionarla sotto una lente di ingrandimento privilegiata che consente di capire davvero i flussi produttivi e gli scambi formali e informali che si collocano al suo interno. Ma in che modo la SNA può essere concretamente applicata ad un’organizzazione per comprendere in che modo questa si modifichi nel tempo e quanto sia efficiente ed efficace rispetto ad alcuni precisi processi?

In questa interessante presentazione condivisa da Andrea Pesoli (@anpesoli) e realizzata assieme al team di OpenKnowledge vengono poste a confronto le ONA (Organisational Network Analysis – la SNA applicata al contesto organizzativo) svolte per due regioni italiane.

Come si nota dalle slide i temi indagati sono differenti.

Con questo tipo di metodologie è – infatti – possibile valutare concretamente:

  • in che modo sono distribuite le informazioni all’interno dell’organizzazione, una serie di indicatori di benchmarking ci diranno poi se – in questo senso – la nostra organizzazione sia più o meno efficiente.
  • Chi sono gli influencer e le key people dalla quale dipendono la maggior parte dei flussi dell’organizzazione. A questo livello si parla anche di connettori, broker, colli di bottiglia o “value sink” per identificare le persone – o i reparti aziendali – che per esempio chiedono più di quanto non immettano nel flusso di tutti i giorni (o viceversa).
  • I problem solvers: le persone – o ancora i reparti – che sono cruciali nella risoluzione dei problemi dell’azienda o delle quotidiane noie.
  • Gli innovatori e coloro che contribuiscono maggiormente ad allargare il frame aziendale.
  • Le persone o i ruoli periferici, sulle quale sarà necessario lavorare per comprendere come mai si trovino ai margini dell’organizzazione.
  • Le persone con cui dovremmo lavorare per migliorare la nostra efficacia ed efficienza sul posto di lavoro.
  • Le informazioni dalle quali dipendiamo – o i ruoli organizzativi ai quali siamo legati – per lo svolgimento del nostro lavoro.

La SNA è una metodologia molto efficace in grado di fornire un quadro molto interessante di come sia organizzata un’azienda al suo interno e di garantire una maggiore affidabilità rispetto alle metriche tradizionali per il semplice fatto che essa proviene direttamente dagli utenti e si organizza a seconda delle loro risposte.
Penso sia da considerare come un valido strumento, ma non come un fine. La SNA deve essere sempre inserita in un contesto di operatività in cui le decisioni che si prendono in seguito sono collegate all’analisi fatta. Come sappiamo le tecniche valutative – o di monitoraggio – sono finalizzate alla presa di decisione, all’elaborazione di un giudizio critico e alla successiva finalizzazione.

Pertanto la SNA può essere considerata dalle aziende come una metodologia utile ed efficace per avere una fotografia del sistema e di quello che sta accadendo all’interno della propria organizzazione. Tuttavia è bene considerarla come una tecnica, che per essere ancora più efficace può essere integrata con altre metodologie al fine di rafforzarne, confermarne o sottolinearne i risultati.

Schermata_2011-06-22_a_10

Le stesse riflessioni possono essere applicate all’apprendimento organizzativo e alla valutazione della formazione in azienda, particolarmente utile se si parla di Social Learning, approcci informali e flussi indefiniti.
In questo senso la SNA può essere utile per comprendere in che modo un corso formativo o un progetto di apprendimento modifichi l’assetto organizzativo rendendo l’organizzazione più adattiva, efficiente e performante.